Stomaco e intestino

I disturbi gastrointestinali

I disturbi gastrointestinali sono condizioni molto diffuse che possono essere indice di diverse problematiche. I principali sintomi sono il gonfiore, la nausea, i crampi, la diarrea, la stipsi e la flatulenza e possono manifestarsi occasionalmente o con elevata frequenza.

Cause

Le cause possono essere molteplici. In molti casi il dolore di stomaco è associabile a disturbi transitori come ad esempio una banale difficoltà nella digestione. Se il dolore è invece persistente diventa essenziale riconoscerne le cause per individuare la presenza di eventuali patologie.

Cause non patologiche

Quando il disturbo gastrointestinale non è associato a nessuna condizione patologica si parla di disturbo funzionale. Esso può dipendere da alcune problematiche individuali come ad esempio:

Cattiva alimentazione: l’errata alimentazione può causare disturbi allo stomaco e all’intestino. La mucosa gastrica può infatti essere irritata dal consumo di alcuni alimenti come caffeina, spezie, alcolici e bevande gassate. Inoltre, il dolore può presentarsi in seguito a un digiuno ed essere legato alla sensazione di fame oppure, al contrario, può comparire in seguito all’eccessiva presenza di cibo nello stomaco.

Stress: l’ansia e lo stress sono le principali cause di dispepsia funzionale (mal di stomaco non dovuto a patologie). Si tratta di un dolore di tipo nervoso che si verifica in concomitanza di eventi stressanti o di attacchi d’ansia come ad esempio un importante colloquio di lavoro. In questi casi le inquietudini psicologiche vengono somatizzate manifestandosi con bruciore di stomaco o difficoltà digestive.

Freddo: l’esposizione alle basse temperature quando è in atto il processo digestivo può provocare una riduzione dell’afflusso di sangue all’apparato gastrointestinale, causando la congestione.

Principali disturbi gastrointestinali

In altri casi i disturbi allo stomaco indicano la presenza di patologie più complesse che devono essere indagate e curate con attenzione.

Gastrite: è l’infiammazione della mucosa gastrica. Spesso è provocata dal batterio Helycobacter Pylori, ma le cause possono essere molteplici come ad esempio l’uso di farmaci, lo stress, il consumo di alcol e il fumo. Può essere di tipo acuto, quando compare all’improvviso, o di tipo cronico, quando persiste nel tempo. La terapia dipende dalla causa scatenante. Se la gastrite è acuta talvolta può essere sufficiente modificare le abitudini alimentari, se invece la gastrite è cronica è necessaria una terapia più complessa che deve essere prescritta dal medico. La maggior parte delle cure includono farmaci che agiscono sull’acidità di stomaco per alleviare i sintomi e favorire la guarigione.


Colon irritabile: conosciuta come colite, la sindrome del colon irritabile provoca un’alterazione dell’equilibrio intestinale che si manifesta con diarrea, stipsi, dolore addominale o gonfiore. La diagnosi si basa sull’anamnesi, ossia sulla presenza dei sintomi da molti anni e sull’esclusione di altre patologie in base ai risultati degli esami effettuati. Non esiste una terapia specifica e il trattamento si basa sulla cura dei sintomi presentati dal paziente. Una corretta alimentazione contribuisce a tenere il problema sotto controllo, soprattutto in seguito all’individuazione degli alimenti che aggravano i sintomi, variabili per ogni singolo paziente. Il medico può inoltre prescrivere dei farmaci come integratori di fibre o lassativi per chi ha problemi di stipsi oppure farmaci come la loperamide per chi al contrario soffre di diarrea. Dietro consiglio del medico è inoltre possibile ricorrere ad antispastici per alleviare i dolori addominali.

Ritiro Gratuitoin farmacia

Spedizione GratuitaPer ordini superiori a € 35

Spedizione RapidaConsegna in 1/2 giorni lavorativi